Stampa
PDF

PRESTAZIONE FSBA-EBLART A SOSTEGNO DEI LAVORATORI SOSPESI DOPO IL 24 SETTEMBRE 2015


Con l’entrata in vigore del Decreto legislativo n. 148/2015 sul riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali, dal 24 settembre è stato abrogato l’art. 3, comma 17, della Legge n. 92/2012. Di conseguenza oggi non è più possibile stipulare accordi di sospensione che prevedano l’erogazione dell’Aspi a fronte di un contributo da parte degli Enti Bilaterali. Al fine di garantire alle imprese artigiane un ammortizzatore sociale nel periodo transitorio che va dal 24 settembre al 31 dicembre 2015, le Parti sociali dell’artigianato (Confartigianato, CNA, Casartigiani e Claai, Cgil, Cisl e Uil) e il Consiglio Direttivo del FSBA (Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato), il 13 ottobre scorso hanno deciso che gli Enti Bilaterali Regionali, avvalendosi delle risorse derivate dalla contribuzione 2014, possano continuare ad erogare la prestazione di integrazione salariale per i lavoratori sospesi nella misura del 40% dell’indennità Aspi fino al 31/12/2015. Venendo meno lo strumento dell’Aspi, i lavoratori sospesi riceveranno solo il contributo da parte dell’Ente Bilaterale, senza ulteriori indennità da parte dell’INPS né copertura previdenziale. In questo modo gli Enti Bilaterali potranno garantire la copertura agli accordi di sospensione stipulati dopo il 23/09/2015 e assicurare una tutela reddituale ai lavoratori di aziende che hanno terminato i 5 mesi di deroga previsti per l’anno 2015.

VAI AL DETTAGLIO DELLA PRESTAZIONE...
cisl